ALBUM

THE ROW

Per ascoltare i brani e leggere i testi, clicca sul pulsante accanto alle tracce (GO).

Copertina The Row

TRACKLIST

#01 SWAN’S TALE Go

#02 DR. SAINT Go

#03 MISSION Go

#04 LONELY DANCE Go

#05 TRACK ’92 Go

#06 LOVE IS GONE Go

#07 WAVE Go

#08 ROGER SABBATH Go

#09 CARPET Go

#10 SPIT Go

#11 FALLING DOWN Go

OVERVIEW

“The Row” è il primo album in studio della rock band italiana Siren, pubblicato ad Ottobre 2014 dalla Red Cat Records, registrato allo Studio Waves di Paolo Rossi (Pesaro) e prodotto, scritto, arrangiato e composto dalla band stessa.

I temi musicali all’interno dell’album sono piuttosto eterogenei seppur caratterizzati da un sound energico e per lo più orecchiabile dove trovano spazio vari altri strumenti quali: synth; tastiere; archi (violini, violoncelli); trombe e fisarmoniche il cui ruolo non è assolutamente marginale, ma di supporto o addirittura caratterizzante alcuni brani.

I testi, interamente composti, come le parti musicali, da tutta la band, sono per la maggior parte incentrati sul paradosso, la bilateralità, l’ironia e la brutalità degli eventi universali, accompagnati da una sorta di serena rassegnazione ad essi da un lato e una timida esortazione a reagire, evitando la presunzione di essere maestri di vita, dall’altro, dove spesso la società e il singolo individuo sono, con tutte le loro contraddizioni, protagonisti. Non mancano le introspezioni dove è piuttosto semplice e immediato, per i più, identificarsi. E’, inoltre, spesso lasciata all’ascoltatore la totale libertà di interpretazione o immaginazione del messaggio, rendendo così chiave di lettura del tema lo stato d’animo di chi ascolta.

TITOLO DELL’ALBUM

“The Row” letteralmente significa la fila, termine che molto bene rappresenta la società moderna dove tutti siamo in fila lungo la corrente comune ad aspettare il nostro turno, che a volte non arriva mai e ci ritroviamo ad aver sprecato la nostra vita in coda…. La società di massa, è la società del pieno e delle file, dove è difficile ragionare con la propria testa. Non fraintendiamoci è normale che sia così, non siamo dei politicanti, ne tanto meno dei maestri di vita, non pensiamo che sia sbagliato in toto, ma che a volte sia giusto uscire dal coro per sentirsi un po’ più vivi.

“The Row” vuole essere una piccola provocazione e un timido incitamento ad abbandonare ogni tanto la fila, a sbandare, a essere uomini, quindi sbagliati per definizione.

ARTWORK

Per quel che riguarda la copertina, non è casuale il punto di vista (da sotto il ponte), che è quello delle persone più lontane dalla società, ovvero quelle che hanno una visione esterna, più distaccata, e quindi leggermente più oggettiva di essa.

La città in lontananza è ciò che meglio rappresenta l’attuale punto evolutivo dell’uomo e il concetto di pieno e fila.

I colori sono un riassunto universale dell’essere umano dove il bianco e il nero rappresentano perfettamente il concetto di bene e male così com’è inteso oggi nel pensiero comune, in natura non esiste questo concetto, usando una definizione pressapochista e banale “tutto è relativo”; il rosso è il sangue, la morte che tutto regola:  al suo cospetto il bene e il male perdono il loro, già labile, significato.

L’attribuzione dei colori agli elementi è stata fatta puramente per fini grafici (la città non è intesa come il male).

Tutte le grafiche sono state realizzate ai Linchio Studio.